Kibbutz un'esperienza di divisione | Carla Armellini
Blog

Kibbutz un’esperienza di divisione

1111Il kibbutz al primo impatto  mi lascia sorpresa. Tutto intorno a noi il paesaggio è brullo. Si scorge qualche beduino che pascola delle pecore accanto a una baracca di lamiera.

Sui tetti arroventati delle baracche qualche cisterna per acqua piovana.

 

 

 

Tutto d’un tratto si vede una zona verdeggiante e lussureggiante con un’alta recinzione di filo spinato. Sembra di entrare in un altro mondo.

2122015-1

Tante casette basse e ordinate circondate da piante rigogliose e fiori ci accolgono. Qui sembra  addirittura che il clima sia diverso rispetto al di fuori del filo spinato e dell’alto muro che lo circondano.

2255

Siamo entrati nel kibbuz di Mashabei. Il kibbuz è un villaggio gestito in forma cooperativa, fondato dagli Ebrei dell’est Europa (chiamati Sionisti). Ogni cosa è in comune e  in parte è stato adibito a resort per turisti e pellegrini. La vegetazione è quella tipica delle zone calde: olivi, boschetti di eucalipti, cipressi, pini marittimi, acacie, poche viti e cespugli di ginepri, tamarici e distese di appezzamenti di erba secca. Sicuramente un altro paesaggio rispetto a quello cui  siamo abituati.

009

Sono sinceramente rimasta colpita nel vedere quel filo spinato. Mi ricordava visivamente, la struttura di un campo di concentramento. Casette basse filo spinato muri e illuminazione a giorno lungo il muro.

Lì ho cominciato ad avvertire un senso di separazione. Il kibbuz era bello e ordinato, ricco di ogni confort, quasi un villaggio turistico.

Se il kibbutz era nato come struttura in cui condividere tutto e in cui ogni cosa è di uso comune, strideva ai miei occhi quel filo spinato.

Questo è stato il primo impatto con questa terra fatta di diversità e di separazione.

Era come vivere in un mondo a parte con delle regole a parte . La presenza di muri e filo spinato mi ha inquietato.

Non c’è condivisione ma gli ebrei sono dentro, e gli altri sono fuori.

Vivono due mondi opposti: i beduini non hanno nemmeno diritti civili.

Non hanno diritto a nulla neppure all’acqua. Eppure loro  percorrevano  questa terra da sempre…

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *