Naturopatia

Bioenergia vibrazionale: migliorare se stessi per stare bene

diplomabioenergia 1liv

La bioenergia vibrazionale è un modo di “aiutare energeticamente”.

Credo non ci sia niente di più bello nella vita che alleviare la sofferenza a chi lo chiede.

Gli scopi di questa tecnica sono due:

  1.   aiutare il cliente con una tecnica energetica.
  2.   aiutarlo sviluppare le sue capacità personali.

In pratica, quando la persona avrà finito il percorso bioenergetico, sarà un essere umano migliore.

Questo tipo di tecnica si chiama tecnica vibrazionale.

Il suo ideatore Baba Bedi riteneva che in caso di uno squilibrio nel corpo, non rimanesse coinvolto solo l’organo interessato.

Tale squilibrio invece si era generato prima in altri punti del corpo e poi arriva all’organo “ disturbato”.

Sarà necessario quindi risalire alla causa che ha creato lo squilibrio cercando di toccare tutti punti in disequilibrio.

Quando chiediamo a un pranoterapista o a un guaritore in che modo potrà aiutarci, ci dirà che ha un fluido nelle mani ma in realtà non conosce la natura di questa sua energia. Noi invece dobbiamo sapere e quindi capire che cosa sia realmente quest’energia che è in pratica lo strumento attraverso il quale noi andiamo aiutare le persone.

ANATOMIA UMANA secondo Baba Bedi

Secondo la teoria di Baba Bedi, l’anima umana è composta di due forze:

  • La prima è la forza vitale che arriva evolvendo dalla specie animale
  • La seconda componente dell’anima è un’unità di luce che aiuta un essere umano ad evolvere verso la perfezione. Quest’unità di luce si serve di tre organi:

            

  1. Il primo organo è l’intuito. Esso agisce nel momento in cui una persona in difficoltà non sa’ qual è la decisione giusta da prendere. Subito gli arriva l’idea lampo e lui la seguirà sia l’oggetto sia puramente materiale o puramente spirituale. La luce non conosce differenze tra parte spirituale e parte materiale per la semplice ragione che una persona frustrata nella vita materiale non riesce neppure a evolvere nella sfera spirituale. La luce aiuta nella realizzazione degli obiettivi spirituali e anche materiali: fatto salvo che gli obiettivi debbano essere positivi. E’ chiaro che quest’organo della luce non manda l’idea per commettere un atto scorretto. In pratica è quest’organo della luce che aiuta l’evoluzione verso la realizzazione.
  2. Il secondo organo della luce è quello della coscienza etica. La coscienza etica ci parla quando intenzionalmente vogliamo fare del male a qualcuno per un nostro vantaggio personale. Lei ci invia questo segnale perché ogni volta che facciamo del male a qualcuno, intenzionalmente incomincia ad agire la legge del moto secondo cui azione e reazione sono forze uguali e opposte. Si genera così una forza negativa e questa ci blocca sul cammino della realizzazione. In pratica ci provoca la stessa sofferenza che noi abbiamo creato all’altra persona e questo porterà tra l’altro ad avere delle frustrazioni. Per aiutarci a non avere frustrazioni la coscienza etica manda il suggerimento di non agire così. In pratica ci protegge se seguiamo il suo suggerimento e non creeremo mai una forza negativa.
  3. Il terzo organo della luce è denominato ” sensibilità psichica“. Questo è l’organo della percezione totale della realtà.

bioenergia vibrazionale

 Cosa si può o non può aiutare con la bioenergia vibrazionale e in che modo.

Secondo Baba Bedi, ci sono due gruppi di malattie: quelle fisiche che non si possono risolvere con le mani, e le psicosomatiche che si possono “trattare” perché psicosomatiche. Psicosomatico vuol dire derivante da stati d’animo negativi che abbiamo vissuto e che hanno creato uno squilibrio nell’organismo.

Cerchiamo allora di capire quali sono le malattie fisiche in cui la vibrazionale non può assolutamente aiutare.

  • Incidenti. Se ad esempio ci rompiamo, una gamba è fondamentale ricorrere all’ospedale.
  • Infezioni che con la B.V. non possono essere debellate perché si propagano con molta velocità e quindi è meglio avere un aiuto medico.
  • Deterioramento degli organi. Quando una persona è molto anziana, si può solo un poco aiutare ma non si può certo parlare di risolvere il suo problema.

Malnutrizione. Tutte le persone che non mangiano in modo adeguato e mangiano in modo insufficiente come magari i bambini dell’Africa che sviluppano quella pancia enorme, in quel caso è meglio dare il giusto cibo anziché le vibrazioni.

Adesso vediamo in quale modo i raggi di luce agiscono nell’aiuto dell’ammalato.

Possiamo fare un esempio: se vogliamo vedere in una stanza buia, dobbiamo accendere la luce.

Per Baba qualsiasi squilibrio ha un colore grigio o nero.

I raggi di luce penetrano nell’organo ed è come accendere la luce in una stanza buia.

L’unica differenza è che la “cura” impiega molto di più a eliminare il disturbo di quanto ci metta la luce a rischiarare una stanza.

Questo accade per la semplice ragione che l’organo malato ha capacità limitata di assorbire le vibrazioni e anche capacità limitate di espellere lo squilibrio.

diploma contemplazione

ATTESTATO DI CONTEMPLAZIONE